Saldo e stralcio: in cosa consiste e come funziona

Saldo e stralcio sono due termini che la maggior parte delle persone non conoscono, ma chi opera nell’ambito immobiliare sa benissimo di cosa stiamo parlando. La “gente comune” conosce il mutuo, l’affitto di una casa, l’asta immobiliare ma non lo stralcio, spieghiamo nel dettaglio cosa significa, come deve essere utilizzato, quando e con quali conoscenze minime bisogna fare questo tipo di operazioni.

La definizione di stralcio

Tecnicamente si chiama “stralciare un’immobile” e questo tipo di intervento viene utilizzato durante una procedura di esecuzione immobiliare, cioè quando una persona non può più sostenere il pagamento di un immobile (affitto, mutuo) e la banca/ente creditore decide di sottrargli l’immobile e di metterlo all’asta.
Ed è qui che viene applicato lo stralcio: la persona interessata si accorda con il debitore e il creditore per saldare il debito in corso evitando così che quell’immobile vada venduto all’asta. Il vantaggio di questa procedura è che l’immobile viene acquistato ad un prezzo molto più basso di quello offerto sul mercato e quello che poteva valere all’asta: il costo più basso mai sostenuto per l’acquisto di un immobile.

Quali sono i vantaggi dello stralcio?

I vantaggi in questo caso sono molteplici e per entrambe le parti, sia creditore che debitore che chi acquista:

  • Per te che acquisti: paghi un immobile al costo più basso che mai si possa sostenere, a volte anche con uno sconto dell’80%;
  • Per la banca o l’ente creditore: in questo modo riesce a recuperare una parte dei suoi soldi in brevissimo tempo evitando così le lunghe attese che si hanno quando viene fatta un’asta;
  • Per il debitore: vede il suo debito eliminato definitivamente, cosa che invece non era prevedibile in caso di ipoteca dove una parte, anche se piccola, del debito poteva rimanere e ciò vuol dire non poter chiedere prestiti in futuro, acquistare prodotti o altri tipi di attività finanziaria.

Questa procedura è davvero un’ancora di salvezza per tutti coloro che sono in difficoltà economica e per coloro che desiderano acquistare un immobile senza spendere cifre elevate, così entrambe le parti ottengono un valore decisamente alto; ma ci sono degli aspetti dello stralcio che non è semplice conoscere in pochi passi.

Lo stralcio prevede delle competenze non indifferenti come quelle giuridiche che permettono di agire prima, durante e dopo l’attività; per questo è necessario, anzi obbligatorio, formarsi per poter affrontare un processo simile.

7 punti chiave per effettuare uno stralcio immobiliare.

Ci sono alcuni punti chiave ch bisogna assolutamente rispettare per un’operazione di questo genere:

  1. Analisi per trovare immobili più commerciali: funziona esattamente come per un’asta;
  2. Autorizzazione e delega a contrattare i debiti del proprietario: bisogna convincere il debitore incontrandolo e trasferirgli la fiducia della nostra riuscita nel lavoro. Anche qui bisogna essere dei bravi negoziatori.
  3. Contatto e accordo con i creditori: dopo aver saputo i loro nomi, come per il debitore bisogna contattarli e negoziare anche con loro; in questo caso servono competenze giuridiche.
  4. Domanda al tribunale per rinuncia ai crediti: in questo caso è necessario saper gestire le pratiche del tribunale ma dopo aver imparato bene, diventa semplice.
  5. Chiusura del procedimento: il giudice chiude il procedimento e dichiara saldato il debito. Anche in questo caso è normale se risulta difficile trattare con il giudice in quanto anche in questo caso è sempre utile conoscere determinate azioni da fare e procedure da seguire.
  6. Applicazione del timbro di mancata opposizione: dopo 21 giorni viene apposto un timbro che dichiara la chiusura definitiva del procedimento. Ma non era chiuso prima? Non del tutto, perché è possibile che si presenti un nuovo creditore che reclama la sua parte e quindi si ricomincia dall’inizio.
  7. Atto di compravendita: finalmente l’immobile può essere venduto!

A questo punto la procedura di saldo e stralcio è terminata e l’immobile è finalmente nelle tue mani; ricordiamoci di non sottovalutare la formazione e le competenze da avere in questo determinato settore.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.