Cortisolo e stress: 7 segnali che il nostro corpo ci invia

Il nostro corpo ci dice quando cortisolo e stress iniziano a raggiungere livelli pericolosi: sta a noi imparare ad ascoltarlo.

Partiamo dalle basi: cos’è il cortisolo?

Il cortisolo è un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali ed ha come effetti principali sul nostro corpo l’aumento di peso e il desiderio di cibi altamente calorici.

Com’è possibile ciò? Il cortisolo è strettamente collegato allo stress, dal momento che la sua produzione avviene in momenti di grande tensione fisica o psicologica, con il fine di garantire al corpo la giusta quantità di energia per superare eventuali pericoli (o ciò che causa tensione): questo è un retaggio metabolico dei nostri antenati, ed ora non rappresenta che una risposta superflua agli stimoli.

Quindi il nostro livello di stress può essere misurato, oltre che con l’aumento di peso, con una serie di segnali che il nostro corpo ci invia.
Ecco quali sono questi segnali:

  • Difficoltà a prendere sonno e stanchezza cronica: di notte, normalmente, l’attività delle ghiandole surrenali si abbassa, permettendo al corpo di riposare. Però, se il livello di cortisolo rimane alto, l’organismo continuerà a ricevere stimoli, impedendovi di dormire o di riposare in maniera efficace.
  • Calo del desiderio sessuale: l’elevata presenza di ormoni dello stress ha un effetto inibitore sugli ormoni che inducono la libido.
  • Ansia: l’effetto del cortisolo sul nostro organismo interferisce con la produzione di serotonina e dopamina, sostanze la cui assenza rischia di provocare sensi panico.
  • Sensibilità al dolore: la continua produzione di cortisolo indebolisce le ghiandole surrenali, il che causa un aumento di prolattina e quindi una maggior sensibilità del corpo verso il dolore, compresa quella del sistema nervoso.
  • Raffreddore e infezioni: la ghiandola del timo risente degli effetti del cortisolo e l’effetto risulta essere una minore produzione di linfociti, ossia lo strumento con il quale il sistema immunitario riconosce e distrugge le infezioni.
  • Complicazioni gastrointestinali: nausea, brusciore di stomaco, crampi all’addome, costipazione e diarrea possono essere gli effetti che il cortisolo ha sul nostro corpo, dal momento che può portare all’incapacità di digerire i cibi e allo scarso assorbimento di sali minerali, oltre che alla scarsa crescita di flora batterica.
  • Rughe: il grande stimolo che il nostro corpo riceve gli impedisce una normale idratazione e inibisce la sintesi di collagene, con effetti sulla pelle.

Come combattere contemporaneamente cortisolo e stress?

Per combattere sia lo stress che la produzione di cortisolo, potete ricorrere ad alcune accortezze:

  • Diminuite o eliminate la caffeina.
  • Dormite di più.
  • Quando sentite di averne bisogno, prendete un momento per voi, spezzate la quotidianità.
  • Fate attività fisica in maniera regolare.
  • Cercate di abbassare i livelli di zucchero.
  • Seguite una dieta sana ed equilibrata.

Se seguendo questi punti non vi riesce di ottenere il risultato sperato, potete sempre rivolgervi ad uno specialista: uno degli esperti del settore è Massimo Spattini, medico sportivo in grado di fornirvi una consulenza precisa per ridurre cortisolo e stress.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.