Il mondo del caffè macinato

caffè macinato
Caffè macinato

Il caffè più conveniente è quello macinato, perché è disponibile ovunque ed è facile da preparare. Tuttavia, esso ha una scadenza più imminente rispetto al caffè in grani.
Esistono diversi tipi di macinacaffè, ognuno con vantaggi e svantaggi, e una vasta gamma di caffè macinato.

Tipologie di macinacaffè
Per un uso domestico, è possibile usare un macinacaffè a macina e uno a lame.
Il primo macina il caffè mediante due dischi dentati. Si imposta il tipo di macinatura desiderato, si mettono i chicchi di caffè nella macchina e si comincia a macinare. Il procedimento è molto lungo; tuttavia, il vantaggio principale è che produce una polvere uniforme. Infatti, la consistenza è un fattore importante nel fare un caffè di qualità.
Il macinacaffè a lame, invece, è dotato di una lama doppia in acciaio inox che trita e frantuma i chicchi nello stesso tempo. Dopo aver messo i chicchi nel macinacaffè, si decide quando terminare la macinazione, guardando dal coperchio trasparente della macchina. Ovviamente, si può aprire il coperchio per controllare la consistenza del caffè macinato e decidere se continuare a macinare o fermarsi. Uno degli svantaggi è che dopo averlo usato molte volte, le lame si surriscaldano, cambiando il sapore del caffè. Inoltre, la polvere di caffè prodotta non è uniforme e a volte è anche bruciata. Tuttavia, il procedimento avviene in tempi brevi e la macchina non è molto costosa, a differenza di quella a macina.
La pulizia del macinacaffè è necessaria, poiché in esso rimangono residui di grasso e olio che col tempo rovinano la qualità del caffè. Pertanto, è consigliabile pulire la campana del macinacaffè ogni giorno.

Tipi di macinature
L’acqua calda è un fattore essenziale per la preparazione di qualsiasi tipo di caffè, perché da esso estrae le sostanze che caratterizzeranno la bevanda in termini di profumo, aroma e corpo.
Grazie alla macinatura del caffè, i chicchi vengono rimpiccioliti, permettendo all’acqua di ricavare queste sostanze. Infatti, se si usano dei chicchi non macinati, non solo si impiega molto tempo per fare il caffè, ma si rischia anche di bruciarlo.
La scelta della macinatura più adatta dipende da quanto tempo il caffè sta nell’acqua. Infatti, se si vuole lasciare il caffè a contatto con l’acqua bollente per tanto tempo, allora si dovrà usare una macinatura più grossolana.
Al contrario, se il caffè è nell’acqua calda per poco tempo, si userà una macinatura più fine, come nel caso del caffè espresso.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.