Gli amminoacidi Bcaa come anabolici naturali

Se stai cercando in vista dell’estate un metodo naturale per accrescere la tua massa muscolare e sfoggiare un fisico invidiabile, allora segui con attenzione questa guida sugli amminoacidi a catena ramificata, detti anche Bcaa, e sui loro effetti come anabolizzanti naturali; ma cosa sono questi Bcaa? Si tratta di un particolare tipo di amminoacidi, appunto detti ramificati per la conformazione della loro struttura chimica, che rappresentano la principale materia prima di cui i tuoi muscoli sono costituiti. Già questo lascia capire quanto siano importanti nell’ambito di obbiettivi di aumento della massa magra, ma le loro caratteristiche non si riducono solo a questo.

La prima cosa da sottolineare è che gli amminoacidi, in generale e dunque non soltanto i Bcaa, sono le sotto unità delle proteine, anche di quelle che compongono i tessuti muscolari, e si tratta inoltre di macronutrienti essenziali nell’uomo, questo significa che non possiamo auto produrli e pertanto vanno introdotti quotidianamente con l’alimentazione ed anche, ove necessario, con integratori alimentari a base di amminoacidi essenziali, che andranno a sopperire la richiesta plastica del metabolismo.

Amminoacidi Bcaa per innescare l’ipertrofia

Il meccanismo che porta alla crescita dei tuoi muscoli è detto ipertrofia, ed è caratterizzato da un aumento della grandezza dei tessuti muscolari; al fine di ottenere questo risultato nel più breve tempo possibile, ti servono tre cose, allenamento, riposo e alimentazione nutrizione. Proprio in quest’ultimo ambito vengono in aiuto i Bcaa che rappresentando circa il 40% del totale amminogramma contenuto nel muscolo, sono una delle migliori “armi” che hai a disposizione per rigenerare, dopo l’esercizio fisico, i tuoi muscoli sempre più forti, resistenti e dunque grossi di prima.

Il primo effetto degno di nota e relativo a questi nutrienti è il loro coinvolgimento nella sintesi proteica, un meccanismo che costruisce e/o rigenera i tessuti muscolari danneggiati dall’esercizio fisico, comportando un aumento ipertrofico della massa magra. Ma come dicevamo le caratteristiche anaboliche di questi composti non sono riconducibili solo a quanto detto fin d’ora, e infatti:

  • sostengono l’invio delle segnalazioni anaboliche mTor e mTorc1, fondamentali segnali di proliferazione cellulare senza dei quali sarebbe impossibile lo sdoppiamento delle cellule, e dunque la crescita iperplasica, altro meccanismo di aumento della massa ma non per grandezza delle fibre muscolari ma per incremento del loro numero;
  • favoriscono una maggiore produzione endogena del testosterone, un ormone anabolico che determina l’efficienza di utilizzo metabolico delle cellule nei confronti degli amminoacidi, maggiore sarà questo fattore e migliore sarà la fissazione plastica di tessuto muscolare e quindi l’aumento della massa magra;
  • riducono la presenza ematica di cortisolo, altro ormone che però è l’esatto opposto di quello su detto, infatti non aiuta la costruzione dei tessuti, ma li degrada con la sua azione proteolitica antinfiammatoria, se ne deduce quindi la necessità di tenerlo sotto controllo, seppur non eliminandolo completamente;
  • aumento della forza e della resistenza fisica, due aspetti questi che miglioreranno sensibilmente la profondità di reclutamento delle unità motorie, evitando l’adattamento del corpo allo sforzo fisico e con esso l'”entrata” in fasi di stallo.

Modo d’uso e ulteriori caratteristiche dei Bcaa ramificati, l’effetto anticabolico

Ma come fare per ottenere il massimo dalle caratteristiche su dette? Semplice, dovrai assumere una dose di Bcaa subito dopo l’allenamento e possibilmente insieme con una fonte insulinogenica, tipo Vitargo (si tratta di carboidrati ad alto indice glicemico) oppure composti ad azione insulino simile come la taurina o il fieno greco; questo accorgimento ti servirà per veicolare i Bcaa dal sangue fin dentro le cellule, dove meglio saranno utilizzati nei loro specifici ruoli anabolici, a determinare una crescita muscolare più repentina.

Ma le peculiarità dei ramificati non sono riconducibili solo ad obbiettivi di aumento della massa, infatti questi macronutrienti possono essere un validissimo aiuto anche nell’ambito di diete per dimagrire, vediamo come. Solitamente se vuoi ridurre il grasso corporeo dovrai diminuire le calorie giornaliere e sopratutto quelle che derivano dai carboidrati, questo perchè il metabolismo è portato ad utilizzare gli stessi come principale materia prima per la sintesi di energia, dunque se vengono meno il corpo umano, che è una macchina perfetta, attiverà diverse vie di produzione energetica alternativa, e tra queste vi è l’ossidazione lipidica.

Dunque in presenza di down glucidici il tuo corpo inizierà a degradare grasso per utilizzarlo come riserva energetica; ma cosa c’entra tutto questo con gli amminoacidi ramificati? Presto detto, insieme al grasso, se non prenderai opportune precauzioni, il metabolismo distruggerà anche parte del tessuto muscolare al fine di ottenere gli amminoacidi che gli necessitano per sintetizzare energia per mezzo della gluconeogenesi. Ed è qui che interviene l’integratore alimentare di Bcaa ramificati, che fornendo dall’esterno tutti i substrati energetico alternativi, eviterà che gli stessi possano essere prelevati direttamente nel muscolo, che ne verrebbe così ridotto in grandezza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.