Il registro ingredienti: Questo sconosciuto

La tutela dei consumatori affetti da allergie o intolleranze, è un tema che purtroppo, nonostante sia normato a livello nazionale dal Ministero della Salute, viene rispettato da una piccolissima minoranza di esercenti. Parliamo della comunicazione ai clienti di una qualsiasi impresa alimentare che somministri alimenti , li venda sfusi, li prepari per la collettività come catering o mense, di tutte quelle sostanze che possono provocare reazioni in soggetti allergici o intolleranti attraverso il registro ingredienti. Tale obbligo appare già nel Regolamento UE 1169/2011 negli articoli 44 ed 8 ai paragrafi 2:

“Per gli alimenti offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività, senza imballaggio, imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta, gli stati membri possono adottare disposizioni nazionali concernenti i mezzi con i quali le indicazioni sugli allergeni devono essere rese disponibili e, eventualmente, la loro forma di espressione e presentazione”;

“L’ operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni sugli alimenti, assicura la presenza e l’ esattezza delle informazioni sugli alimenti,  conformemente alla normativa applicabile in materia di informazioni sugli alimenti e ai requisiti delle pertinenti disposizioni nazionali”;

In particolare, in relazione alle informazioni su sostanze o prodotti che possono provocare reazioni in soggetti allergici o intolleranti, il nostro Ministero della Salute, il 6 Febbraio 2015, ha pubblicato una circolare in cui fa, una volta per tutte, chiarezza sulle modalità con cui tali informazioni devono essere comunicate alla clientela. I titolari di imprese alimentari che rientrino nelle suddette categorie, dovranno, o meglio, avrebbero già dovuto, redigere un apposito registro in cui si menzionano le singole preparazioni vendute o somministrate alla clientela, indicando nella relativa lista degli ingredienti, con evidenza grafica,

tutti quegli alimenti che possono causare allergie o intolleranze che rientrano nell’ allegato II del REg.Ue

1169/2011:

  1. Cereali contenenti glutine, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, grano khorasan, o i loro ceppi

ibridati e prodotti derivati,

tranne:

  1. a) sciroppi di glucosio a base di grano, incluso destrosio
  2. b) maltodestrine a base di grano
  3. c) sciroppi di glucosio a base di orzo;
  4. d) cereali utilizzati per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l’alcol etilico di origine

agricola.

  1. Crostacei e prodotti a base di crostacei.
  2. Uova e prodotti a base di uova.
  3. Pesce e prodotti a base di pesce, tranne:
  4. a) gelatina di pesce utilizzata come supporto per preparati di vitamine o carotenoidi;
  5. b) gelatina o colla di pesce utilizzata come chiarificante nella birra e nel vino.
  6. Arachidi e prodotti a base di arachidi.
  7. Soia e prodotti a base di soia, tranne:
  8. a) olio e grasso di soia raffinato
  9. b) tocoferoli misti naturali (E306), tocoferolo D-alfa naturale, tocoferolo acetato D-alfa naturale,

tocoferolo succinato

D-alfa naturale a base di soia;

  1. c) oli vegetali derivati da fitosteroli e fitosteroli esteri a base di soia;
  2. d) estere di stanolo vegetale prodotto da steroli di olio vegetale a base di soia.
  3. Latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio), tranne:
  4. a) siero di latte utilizzato per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l’alcol etilico di origine

agricola;

  1. b) lattiolo.
  2. Frutta a guscio, vale a dire: mandorle (Amygdalus communisL.), nocciole (Corylus avellana),

noci (Juglans regia), noci di acagiù (Anacardium occidentale), noci di pecan [Carya illinoinensis

(Wangenh.) K. Koch], noci del Brasile (

Bertholletia

excelsa), pistacchi (Pistacia vera), noci macadamia o noci del Queensland (Macadamia ternifolia), e

i loro prodotti, tranne

per la frutta a guscio utilizzata per la fabbricazione di distillati alcolici, incluso l’alcol etilico di

origine agricola.

  1. Sedano e prodotti a base di sedano.
  2. Senape e prodotti a base di senape.
  3. Semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo.
  4. Anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/litro in termini di

SO2

totale da calcolarsi

per i prodotti così come proposti pronti al consumo o ricostituiti conformemente alle istruzioni dei

fabbricanti.

  1. Lupini e prodotti a base di lupini.
  2. Molluschi e prodotti a base di mollus

Il consumatore finale deve essere edotto della presenza di tale registro, attraverso delle diciture che devono essere visibili nell’ esercizio , affiggendo cartelli o riportando tali diciture all’interno dei menù:

“Le informazioni circa la presenza di sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze, sono disponibili rivolgendosi al personale in servizio”;

Oppure:

“Per qualsiasi informazione su sostanze e allergeni è possibile consultare l’ apposita documentazione che verrà fornita a richiesta dal personale in servizio”.

Tale registro deve essere scritto, firmato da tutto il personale dell’ impresa per conoscenza ed approvazione e a disposizione degli organi di controllo. Ne consegue, pertanto, che gli ormai obsoleti cartelli unici degli ingredienti prescritti dal D.M. 4/12/1994, debbano sparire perché fuorilegge e non più esaustivi per i consumatori affetti da allergie o intolleranze. Per maggiori informazioni sul visita il sito www.studiolabconsulenze.it

www.studiolabconsulenze.it

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.