La Serie A che verrà

Con la vittoria del Pescara nel playoff contro il Trapani per determinare chi fosse la terza squadra, dopo la favorita Cagliari e la sorpresa assoluta Crotone, la griglia della prossima Serie A si è completata. Dalla massima serie sono scese in cadetteria le due matricole Carpi e Frosinone, per loro il sogno è durato solo una stagione ma comunque il campionato è stato positivo con entrambe le compagini che fino all’ultimo hanno lottato per la salvezza, e la delusione Verona che, partita con ben altri obiettivi, ha chiuso la stagione all’ultimo posto. Quella che sarà la Serie A più ricca di sempre visto l’aumento degli introiti dei diritti tv vedrà dunque il ritorno due società avezze al campionato come Cagliari e Pescara e di un esordiente assoluto, il Crotone. Ma se per i calabresi e per i biancoazzurri sarà un’impresa salvarsi, con entrambe le squadre da ricostruire visto lo scadere dei tanti prestiti e la cessione dei pezzi pregiati vedi Lapadula e Budimir, la squadra di mister Rastelli e del presidente Giulini è più ambiziosa e punta a rinforzare da subito una rosa già molto competitiva. Empoli, Chievo e Palermo completano poi il sestetto delle squadre che cercheranno in tutti i modi di salvarsi con le ultime due che ripartiranno dai tecnici e dalla rosa della scorsa stagione, mentre i toscani hanno cambiato sia in panchina che in campo con molte stelle con la valigia pronta.

Dominio Juventus

Per lo scudetto negli ultimi anni non c’è mai stata praticamente partita. Troppo forte la Juventus rispetto ai rivali. Non servono particolari statistiche o candele giapponesi per sottolineare la superiorità bianconera che però ora vuole dominare anche in Europa e così, magari, potrebbe perdere qualche colpo in campionato. A sperarci sono le solite Napoli e Roma, che dovranno fare un mercato intelligente ed azzeccato per cercare di colmare il gap che li divide con la squadra di Allegri. Aria cinese poi a Milano, con entrambe le dirigenze che saranno gestite da gruppi di Pechino, arriveranno soldi freschi ma occorrerà non usarli male come nelle ultime stagioni. Con la crescita del Sassuolo, la conferma della Fiorentina e un mercato che si annuncia molto attivo da parte di Torino, Sampdoria, Lazio e Genoa quello che partirà ad agosto potrà essere un campionato molto più avvincente rispetto gli scorsi anni. Quando le squadre di fascia media iniziano a spendere questo indica sempre un innalzamento del livello, che porta di conseguenza ad un maggiore equilibrio e a qualche sorpresa, con l’Italia che però deve essere protagonista anche in Europa per superare nel ranking l’Inghilterra e ottenere così una squadra in più in Champions League.

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *