Imballaggi per trasporto merci pericolose: i tipi di materie

Per scegliere i giusti imballaggi per il trasporto di merci pericolose è necessario conoscere la differenza tra i tipi di materie infettanti.

imballaggi per trasporto merci pericolose
imballaggi per trasporto merci pericolose

La classe 6.2, ossia quella delle materie infettanti e contenenti agenti patogeni, viene divisa in due sottocategorie, la categoria A e la categoria B. Conoscere la differenza tra questi due raggruppamenti è molto importante, dal momento che consente di scegliere correttamente le soluzioni e gli imballaggi per trasporto di merci pericolose.

Ma quali sono le differenze fondamentali tra le 2 e come possono aiutare mittenti e operatori logistici?

 

Categoria A

In questo gruppo sono comprese le sostanze che, a seguito di un’esposizione casuale, potrebbero procurare danni invalidanti permanenti, malattie non curabili e rischi per la vita stessa a uomini ed animali.

Va fatta poi una distinzione tra:

  • Sostanze che possono colpire sia uomini che animali, ai quali si assegna il PSN “Infectious substance, affecting humans” e il codice UN 2814.
  • Sostanze che possono colpire solo gli animali, che vengono classificate sotto il PSN “Infectious substance, affecting animals only” e con il codice UN 2900.

 

Categoria B

Fanno parte di tale categoria tutte le sostanze che, date le loro caratteristiche, non rientrano nella prima categoria (tra queste vanno inclusi i campioni diagnostici). Tutte queste sostanze rientrano nl PSN “Biological substance, Category B”, con codice UN 3373.

E’ importante ricordarsi che, anche se le sostanze di questo gruppo non necessitano del “Shipper’s Declaration” e dell’etichetta 6.2, è comunque necessario adottare le misure richieste dalle varie regolazioni in merito al trasporto di questo tipo di carichi.

 

Cosa è esente dalla classificazione 6.2?

  • Materie contenenti microorganismi non patogeni oppure neutralizzati o trattati in modo da non rappresentare una minaccia per la salute.
  • Materie con un livello di patogeni pari a quello presente in natura.
  • Campioni umani o animali che, anche contenenti agenti patogeni, vengono trasportati in contenitori appositi per la prevenzione di ogni perdita.
  • Strumenti medici e clinici possibilmente infetti, spediti per la pulizia all’interno di imballaggi pensati per prevenire la rottura o la fuoriuscita del contenuto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.