Progettazione ascensori, l’evoluzione continua

Le persone si moltiplicano, le città si ingrandiscono e gli spazi diminuiscono: è questa la realtà con cui devono fare i conti tutti coloro che progettano e costruiscono nuove realtà abitative, è questo il motivo per cui la tendenza è quella di costruire sempre più puntando al verticale.

manutenzione_ascensori_rapallo1Lo dimostrano i tantissimi grattacieli, veri capolavori di ingegneria che dimostrano quanti passi avanti sono stati fatti e quanto lavoro c’è dietro a queste realizzazioni e dietro alla progettazione degli ascensori. Il grattacielo Burj Khalifa di Dubai, ad esempio, ha un’altezza di 828 metri e dispone dell’ascensore più lungo del mondo: il dislivello su cui deve lavorare è di 504 metri, una cifra incredibile se si pensa a quale impianto deve essere stato costruito per supportare il supporto delle persone su una distanza così impegnativa.

Altezze verticali impressionanti sia dal punto di vista della lunghezza che della rapidità con la quale questi dispositivi devono lavorare per essere performanti. Nel caso di Dubai, per esempio, la velocità che l’ascensore raggiunge è di 64 chilometri all’ora, ossia circa 18 metri al secondo. Numeri che lasciano a bocca aperta! Ma torniamo alle nostre città, alle abitazioni in cui viviamo, agli ascensori che sono presenti nelle nostre case, meno rapidi ma performanti nello stesso modo: i contesti edilizi cambiano ma l’accuratezza degli impianti rimane.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.