Forex: vola la sterlina sulla scia della parole di Carney (BoE)

Non ci sarà alcun cambio al vertice della Bank of England. Almeno non fino al 2019. A spegnere le voci è stato lo stesso governatore dell’istituto centrale britannico Mark Carney, dando così una bella spinta alla sterlina nel forex market. Carney ha dichiarato che aiuterà la Gran Bretagna a vivere una «transizione ordinata verso i nuovi rapporti che regoleranno le relazioni tra Regno Unito ed Europa».

Carney spegne le voci, vola la sterlina

sterlinaNegli ultimi giorni erano circolate delle indiscrezioni di stampa secondo le quali il numero uno della BoE sarebbe stato sul punto di dimettersi, a causa dei forti dissensi il premier Theresa May in relazione alle scelte di politica monetaria.
Invece lo stesso Carney oggi è intervenuto per far sentire la propria voce e smentire questi rumors. Ha assunto l’incarico nel 2013 e lo porterà avanti fino al 2019, ovvero il tempo necessario per completare il percorso per l’uscita dalla UE del Regno unito.

Questa botta di stabilità è piaciuta molto ai mercati, che hanno premiato la sterlina nel forex market. La valuta britannica infatti è andata su nei confronti delle altre major, ottenendo anche guadagni sostanziosi. Nei confronti del dollaro, ad esempio, ha recuperato lo 0,43% a 1,2243. Il cross Eur-Gbp è sceso fino a 0,8966 (-0,54%) secondo i dati di Markets.com (bonus, recensione e opinioni qui).

Consiglio: quando decidete di operare nel forex market, non guardate solo alle condizioni di ingresso proposte dagli operatori (come i bonus senza deposito trading online), ma verificate anzitutto la loro affidabilità e le caratteristiche operative.

L’attenzione adesso si sposta su quello che accadrà giovedì, quando la bank of England renderà noti i dati sull’inflazione e comunicherà la propria scelta riguardo i tassi di interesse. Carney li ha tagliati di 25 punti dopo la Brexit, portandoli al minimo storico dello 0,25%. Secondo alcuni potrebbe fare altrettanto al board di questo mese, nonostante l’inflazione a settembre sia già salita dell’1%.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.