Tassi di interesse USA, il dato sulle PMI fà un assist alla FED

Arriva un altro dato positivo per l’economia americana, e quindi un bell’assist alla FED, che di qui a breve dovrà decidere per il rialzo dei tassi di interesse. Il settore manifatturiero ha infatti avuto una accelerata decisa nel mese di ottobre, visto che la stima di Markit Economics dice che il PMI index del manifatturiero è cresciuto fino a 53,2 punti, dal valore precedente di 51,5. Si tratta del più alto livello raggiunto da questo indicatore da un anno.

La FED, il PMI index e i tassi di interesse

fedMa non è tutto, perché le aspettative degli analisti erano di un aumento a 52,3 punti. Quindi il dato reale è andato anche oltre le previsioni, confermando una forte crescita nel settore dei servizi.

Il dato superiore a 50 punti indica una fase di espansione, mentre sotto questa soglia c’è contrazione nel settore.

Nel frattempo il dollaro riceve un’altra spinta su Forex, dove ha guadagnato terreno nei confronti delle altre valute principali. Contro yen +0,49%, un po’ meno ma comunque in guadagno anche contro l’euro a 1,0857.

Secondo molti analisti, peraltro, questo trend positivo continuerà e questo ha dato fervore a chi opera nel trading binario, che ha posto proprio i cross che coinvolgono il biglietto verde come fulcro delle proprie strategie per opzioni binarie a 60 secondi, le più complesse da “negoziare” proprio per la loro scadenza ridottissima.

Secondo quanto commenta Markit in una nota a margine dei dati resi noti oggi, i segnale della ripresa economica sono evidenti, anche perché in precedenza c’era stata una debolezza diffusa nel corso dell’anno. «Sia la produzione che i nuovi ordini hanno raggiunto i massimi livelli da un anno – si legge nella nota – grazie al crescente ottimismo che la domanda accelererà di nuovo dopo le elezioni presidenziali».

Un bel gioco di sponda per la Federal Reserve, che si ritrova con la strada sempre più spianata per aumentare il costo del denaro. Una decisione che dovrebbe giungere a dicembre, quindi dopo le elezioni presidenziali.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.