5 domande da fare prima di realizzare un’app

Tutti noi utilizziamo le app sui cellulari: alcune ci semplificano la vita o la rendono più divertente. Le app possono avere tantissime funzioni: ci aiutano ad organizzarci meglio, servono per ascoltare la musica; con alcune troviamo ricette gustose e ce ne sono altre che addirittura servono a far giocare il nostro gatto!

Ormai esiste praticamente un’app per ogni cosa, e i numeri dei download confermano il successo di questo mercato: nel 2016 sono stati eseguiti più di 100 miliardi di download e per il 2017 gli esperti si aspettano quasi 270 miliardi di download. È chiaro che questo mercato fa gola a tanti, e la tentazione di realizzare una propria app è veramente forte.

 

Prima di iniziare il lavoro però ci sono almeno 5 domande da porsi:

 

  1. Per chi è la mia app? Ci sono app che risolvono un problema, altre che offrono un servizio. Poche diventano veramente virali e nella maggior parte dei casi le app hanno un core target abbastanza ristretto. Ecco perché è importante capire a quali persone si potrebbe rivolgere la tua app. Un aiuto te lo possono dare i competitor: vai sui canali social di app simili a quella che vuoi progettare tu, leggi i feedback e guarda i profili. Insomma, fatti un’idea di quello che ti aspetta.

 

  1. Cosa fanno i miei competitor? Non accade molto spesso di avere l’idea per lo sviluppo di un’app che non esiste ancora sull’Appstore. Ecco perché è cruciale studiare le altre app e vedere quali strategie di marketing attuano i loro sviluppatori; avere inoltre un occhio di riguardo per i loro punti deboli non guasta!

 

  1. Quale problema risolverà la tua app? Prima di pensare al funzionamento o ai feature dell’app è importante individuarne lo scopo: chiediti quale problema risolverà e perché gli utenti la devono scaricare.

 

  1. Quale piattaforma scegliere per l’app? La maggioranza delle app viene creata per iOS e Android, ma ci sono alcuni casi in cui è meglio svilupparle per Blackberry e Windows. Se hai un budget alto potresti creare un’app cross-platform, se invece è limitato devi studiare bene il tuo target per trovare la piattaforma giusta. In più è importante valutare eventuali prerequisiti delle piattaforme scelte.

 

  1. Come svilupperò l’app? Se non sei uno sviluppatore di app esperto è importante affidarsi a professionisti. In tanti casi è ancora meglio scegliere un’agenzia che può offrirti un servizio completo e che ti può accompagnare dall’idea al marketing del prodotto finale.

 

In provincia di Parma ci pensa la start-up SwitchUp allo sviluppo della tua app. Visita il loro sito per maggiori informazioni sullo sviluppo app.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.