Le nuove tecnologie per la sicurezza

Dal 24 agosto la terra sembra non volersi fermare, alternando periodi con affluenza di sciami sismici a periodi di silenzio. Un silenzio che fa sperare in una ricostruzione che non ci metta tempo, troppo tempo, come purtroppo sta già avvenendo. La restante parte di Italia, non può far altro che imparare la lezione di madre natura e cercare salvaguardare quello che ha.

Purtroppo ad avere la peggio, anche dal punto di vista della prevenzione sono tutti quei posti in cui si è realizzato un forte abusivismo edilizio. La cosa importante oggi è che prima di partire con una ristrutturazione importante , si vada incontro ad un minimo di informazione. 

L’attuale approccio per il consolidamento e il rinforzo delle strutture è stato recepito dagli enti responsabili, solo con l’andar del tempo. Quando si è compreso dagli errori precedenti, quali norme aggiungere al panorama legale nell’ambito delle costruzioni. In particolare con il D.M. 14.1.2008 e con le recenti osservazioni sul campo eseguite in occasione degli ultimi eventi sismici italiani. Si è così sentita forte l’esigenza di creare un corretto adeguamento, per le strutture già esistenti, in modo da migliorarne la risposta in caso di sisma. Sono stati così progettati dei rinforzi che risultino essere efficaci e realizzati nel rispetto dell’architettura e della storia dell’edificio.

È stato quindi realizzato uno studio attento della meccanica dei sistemi di rinforzo e di come questi inoltre vadano ad interagire con i materiali della costruzione già esistente. A risultare di grande aiuto sono stati di sicuro i nuovi materiali e le nuove tecnologie che il settore dell’edilizia può oggi offrire. È sicuramente cambiata la resistenza, ci sono nuovi tessuti con fibre d’acciaio galvanizzato, reti di basalto e acciaio inox. Inoltre ad entrare in gioco nella nostra epoca storica, sono anche quelle tecnologie, cosiddette Green che non vanno contro l’ambiente ma che viceversa da esso si fanno aiutare e con cui si sposano perfettamente.

Insomma i vantaggi che possono derivare dalle nuove scoperte uscite dagli studi delle nostre più facoltose Università italiane, vanno assolutamente impiegate per il bene di tutti. In troppi soffrono in questo periodo e la lentezza della burocrazia italiana di certo non aiuta. Quindi l’unica cosa che possiamo fare per venire in nostro stesso aiuto è quello di informarci bene prima di fare un lavoro.

Dobbiamo sapere con precisione da chi ci stiamo rifornendo e di preciso cosa stiamo acquistando se è materiale di prima qualità o si tratta di materiale scadente. Oggi poi con gli incentivi e tutto quello che ne deriva si può tranquillamente trovare il giusto compromesso nell’acquisto dei materiali edili. Bisogna comunque trovare un buon venditore, una società serie che abbia magari alle spalle anni e anni di esperienza e che si mette letteralmente nei panni del compratore. E lo fa non solo con le parole ma anche con i fatti, considerando un grande esempio che è quello dell’azienda Tittarelli Edilizia. La quale ha dato la possibilità a tutti coloro che scaricano la Tittarelli Card, di riuscire ad avere innumerevoli vantaggi se non proprio sconti all’interno del grande assortimento che presenta al pubblico.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.