Cross Eur-Usd ancora in altalena. Cosa succederà nei prossimi giorni?

Continua il saliscendi del cambio euro dollaro sui mercati valutari. Nel corso della giornata di oggi l’EUR/USD si muove leggermente al rialzo segando un massimo a quota 1,0622. Sembra quindi perdere vigore il biglietto verde, che qualche settimana fa era arrivato sotto quota 1,05. Se analizziamo il cross in esame su due orizzonti temporali (giornaliero e a quattro ore) possiamo avere spunti interessanti di riflessione.

I driver del cross Eur-Usd

cross eur-usdDiciamo che una grossa incidenza sull’andamento di questa coppia (che fa parte del nostro cosa sono Etoro copy funds) la stanno avendo le tensioni geopolitiche internazionali, oltre che gli atteggiamenti di politica monetaria di BCE e FED. La tensione degli ultimi giorni tra Stati Uniti, Siria e Corea del Nord pesa sui mercati, finendo per controbilanciare le aspettative degli investitori sui futuri rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve (Fed).
In Europa invece gli investitori sono sempre aggrappati alle decisioni della BCE, che finora è sempre stata molto cauta nei suoi movimenti. Il presidente Draghi ha ribadito che aggiungerà nuove misure di stimolo, se questo dovesse essere necessario. Ma al momento non sembra sia così.

Analisi tecnica

La quotazione del cross EUR-USD sta oscillando all’interno di un canale rialzista su timeframe giornaliero. Possiamo osservare un minimo di 1,0340 registrato il 3 gennaio 2017, mentre il massimo è stato toccato a quota 1,0906 il 27 marzo 2017 (Ricordiamo che nei wweekend non è attivo il Foex. Qui uoi approfondire il tema orari forex apertura domenica).
A partire però dal massimo toccato il 27 marzo è cominciato un movimento discendente che ha portato i prezzi verso quota 1,0570, mentre adesso c’è un nuovo leggero rialzo. Come si vede, la quotazione sta testando l’area corrispondente alla parte bassa del canale rialzista. Ci sarà uno sfondamento verso il basso oppure no?

Vedremo, intanto nel resto della giornata avremo i dati sulle riserve di petrolio greggio dagli Stati Uniti, che si prevede avranno un forte impatto sulla coppia EUR/USD. Il mercato dovrebbe muoversi in rialzo seppure all’interno di una gamma di oscillazione ridotta, dato il persistente clima di tensione che oggi continua a regnare incontrastato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.