Shampoo antiforfora e anticaduta

Lo shampoo è un prodotto per la cura quotidiana ed il suo compito è quello di detergere i capelli. Esso è costituito da acqua e tensioattivi, ai quali si aggiungono altri ingredienti come: profumo, conservanti, viscosizzante, e correttore di Ph. Il corretto uso dello shampoo determina la sua efficacia: usare troppo prodotto, non migliora l’efficacia. L’importante è bagnare bene i capelli e mettere poco shampoo.
Nel commercio ci sono diversi tipi di shampoo e quelli che hanno compiti più esigenti sono lo shampoo antiforfora e lo shampoo anticaduta.

Shampoo antiforfora

La forfora può essere causa di imbarazzo, oltre ad essere una disfunzione fisica. La forfora dà un’idea di sporco, causa prurito ed è fastidiosa. Essa è costituita da cellule morte, che vengono spinte dalle cellule giovani, all’esterno. In molti casi, la comparsa è dovuta al fungo Malassezia, ma anche ad una maggiore produzione di sebo, stress, secchezza della cute o squilibri ormonali. Anche la scarsa igiene può essere la causa, oppure le intolleranze alimentari ed il fattore ereditario.

Gli shampoo antiforfora sono degli ottimi alleati per combatterla. Essi si differenziano dagli normali shampoo per la presenza di principi attivi specifici.
Quando si acquista uno shampoo antiforfora è bene guardare l’etichetta e vedere se contiene uno di questi ingredienti:

 

Salycilic acid è un principio attivo esfoliante. Rimuove la forfora, anche se può irritare e infiammare la cute del cuoio capelluto. Esso è usato come consevante.

Zinc pyrithione (Zpt) è un antifungino. Lo shampoo a base di Zpt sono delicati e sono tollerati dalla maggior parte delle persone, mentre riduce l’aggressività dei tensioattivi.

Selenium disulfide: anch’esso è un principio attivo antifungino che rallenta il processo di ricambio cellulare. Ha una minore tollerabilità rispetto allo Zpt e può irritare la pelle e la cute.

Nel caso di forfora è bene evitare coloranti, derivati del petrolio, profumi e parabeni.

Shampoo anticaduta

Lo shampoo anticaduta è utile nel caso in cui il problema non derriva da cause genetiche. Alla caduta dei capelli è associato un indebolimento della fibra capillare, che rende i capelli sottili e fragili.

Gli shampoo specifici per questo problema, contengono sostanzee idratanti e condizionanti, per nutrire la fibra capillare donando più resistenza e corposità. Gli shampoo anticaduta oltre ai tensioattivi, presentano emulsionanti, agenti schiumongeni, conservanti, addensanti, agenti per modificare il Ph, come agenti acidificanti o alcanilizzanti, coloranti e profumo.

Tra i principi attivi più usati in questi shampoo, troviamo: il tè verde, ortica, acido azelaico, saw palmetto, prugno africano  e palma nana.

Per un trattamento ancora più efficace è indicato abbinare allo shampoo un integratore specifico per il problema e una dieta equilibrata.

Le cause della caduta dei capelli:

Stress: lo stress blocca la crescita di nuovi capelli, infatti esiste il fenomeno alopecia da stress.
Cambio di stagione: durante la primavera e autunno si perdono più capelli.
Trattamenti cosmetici aggressivi: alcune sostanze possono causare la caduta, come le tinte.
Inquinamento ambientale: il posto in cui vivi può determinare la caduta dei capelli.
Squilibri ormonali: un calo degli estrogeni nella donna, può causare la caduta dei capelli. Può essere dovuto alla menopausa, dopo una gravidanza, oppure a disturbi alimentari.
Assenza di vitamina A: questa vitamina assicura la salute del capello e di conseguenza se viene a mancare, porta all’invecchiamento precoce dei capelli.
Carenza di zinco: è uno dei principali componenti della cheratina; quindi se viene a mancare i capelli e unghie saranno più sofferenti.

La caduta dei capelli entro certi limiti è del tutto fisiologica e naturale. Quando la caduta diventa persistente con prurito e dolore al cuoio capelluto, bisogna ricorrere ai rimedi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *