Best Practices SEO: 4 utility per il posizionamento

 

1. Utilizzare una mappa del sito ( Sitemap)

Avere una sitemap per il tuo sito web gioca un ruolo cruciale nella SEO. Aiuta Google a eseguire facilmente la scansione delle tue pagine e a indicizzare il tuo sito web. Se si dispone di un sito Web WordPress, è possibile generare una sitemap del proprio sito Web utilizzando un plug-in. Uno dei più popolari è www.xml-sitemaps.com/

Se si utilizza un CMS personalizzato, è possibile utilizzare un generatore di sitemap XML per creare una Sitemap e quindi caricarla sul proprio sito Web.
Dopo aver creato la tua Sitemap, dovrai accedere agli strumenti per i webmaster di Google e, dal menu di destra, fare clic su Scansione-Sitemap. Qui puoi inviare la tua Sitemap a Google.

2. Evita di avere 404 errori sul tuo sito web

Avere qualche errore 404 non rovinerà completamente le tue classifiche, ma può ridurre la tua esperienza utente, che alla fine può influire sulle prestazioni SEO. Esistono diversi plugin WordPress che possono aiutarti a rilevare 404 pagine sul tuo sito web. Il mio preferito è sicuramente Permalink Finder. Questo plugin rileva quando un utente atterra su una pagina 404 sul tuo sito web. Cerca automaticamente nel tuo database e tenta di reindirizzare l’utente a una pagina che contiene le parole che l’utente stava cercando.
Nella parte inferiore della pagina delle impostazioni, puoi vedere un elenco di tutte le pagine che hanno dato un errore 404 ai tuoi utenti.

Non si usa WordPress? Quindi puoi utilizzare l’estensione Google Chrome denominata Controlla i miei collegamenti. Installa l’estensione e usala quando vuoi cercare link non funzionanti sul tuo sito web.

3. Promuovi il tuo sito web tramite il guest blogging

I vantaggi del blog ospite sono infiniti e spesso sottovalutati. Attingendo a comunità già consolidate, puoi aumentare la tua reputazione, creare backlink di alta qualità, ottenere maggiore visibilità sul tuo sito web e molto altro.
Per automatizzare il processo di ricerca dei guest guest, è possibile utilizzare i social media, Twitter per essere più precisi. Ti consiglio di usare Topsy, che può inviare avvisi via email quando le parole chiave che vuoi monitorare sono pubblicate su Twitter. Ad esempio, per ricevere avvisi via email quando qualcuno su Twitter menziona una parola chiave come “seo guest blog“, fare clic sull’icona Impostazioni e quindi su “Ricevi avvisi e-mail”.

https://cdn-images-1.medium.com/max/800/0*J06moEK3ihKSLOTl.

Filtra i risultati e scrivi solo articoli guest per siti web degni. Non perdere tempo a farlo su siti di bassa qualità e non farlo solo per ottenere un collegamento. Cerca di dare valore ai lettori e otterrai molto di più in cambio.

4. Usa ciò che funziona meglio per i tuoi concorrenti

Se hai già letto in precedenza i miei articoli, sai già che mi piace spiare i miei concorrenti sui social media e ovunque. Questo perché puoi imparare molto dalle tecniche che funzionano meglio per loro.
Pensaci per un secondo. Se potessi ottenere il 50% circa dei siti web che collegano i tuoi concorrenti, di collegarti al tuo sito web, ciò significherebbe che puoi facilmente superarli, giusto? Ovviamente, avendo tutti i migliori link di tutti i tuoi principali concorrenti, potresti facilmente ottenere un vantaggio davanti a loro. Sembra facile, ma come si fa?

Spiandoli, ovviamente. Devi essere aggiornato con tutti i backlink che stanno costruendo o guadagnando, e provare a replicarli. Per questo, è possibile utilizzare uno dei miei strumenti SEO preferiti, che si chiama Monitor a ritroso. Dopo aver sincronizzato il tuo account con Google Analytics e aver aggiunto i tuoi concorrenti, visualizza l’elenco con tutti i siti web che li collegano. La caratteristica che ritengo più utile è che confronta automaticamente i tuoi link con quelli del tuo concorrente e mette in risalto con il verde quelli che hai in comune. Prendi questo screenshot, ad esempio:

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.