Strutture per anziani: le principali tipologie

Il progressivo invecchiamento della popolazione italiana pone sia problemi che opportunità. Da un lato lo stato italiano deve far fronte ad una maggiore domanda di servizi assistenziali dedicati agli anziani, dall’altro deve favorire la creazione di strutture private idonee a gestire queste situazioni.

Quale tipo di strutture è possibile trovare? Facciamo una veloce panoramica per comprendere le diverse esigenze e le soluzioni offerte dal mercato.

RSA – l’acronimo sta per Residenza Sanitaria Assistenziale. Si tratta di strutture che offrono assistenza ad anziani non autosufficienti. Nelle RSA è possibile ricevere assistenza medica, infermieristica e riabilitativa. La presenza di personale medico è costante. Questa tipologia di struttura è adatta all’anziano che necessita un continuo monitoraggio del suo stato di salute.

CASA DI RIPOSO – E’ una struttura che può gestire ospiti parzialmente autosufficienti. L’anziano può soggiornare indifferentemente per lunghi o brevi periodi. Esistono sia case di riposo pubbliche che private. Per aprire una casa di riposo privata è necessario soddisfare una serie di requisiti in merito all’assenza di barriere architettoniche, la disponibilità di spazi comuni e privati, la presenza di una cucina ed una lavanderia interna.

CASA FAMIGLIA PER ANZIANI – Questo tipo di strutture ospitano anziani autosufficienti e sono concepite per gestire persone che non richiedono una particolare assistenza sanitaria e che non soffrono di patologie invalidanti. I requisiti tendono ad essere meno stringenti ed anche gli spazi a disposizione possono essere più limitati. L’aspetto particolarmente positivo di queste strutture è il clima accogliente e famigliare che le contraddistingue. E’ frequente che vangano riorganizzate attività ricreative per favorire la socialità degli ospiti. Possono anche essere utilizzate come case vacanza per l’anziano, che viene ospitato per brevi periodi

Considerato che la situazione demografica non cambierà nei prossimi anni, si può intuire che la creazione di strutture di questo tipo possa essere al tempo stesso socialmente utile e redditizia. Si sono aperte notevoli opportunità in alcune aree geografiche a ridosso delle principali città italiane. Un esempio lampante è il boom di case famiglia che ha visto protagonista la provincia di Pavia.

Per comprendere meglio il fenomeno abbiamo intervistato Alessandro Bonafiglia, responsabile della Casa Famiglia Villa Carla a Retorbido (PV). “La provincia di Pavia, grazie alla sua collocazione geografica, risulta particolarmente comoda per i milanesi. Le tariffe delle residenze per anziani risultano molto più basse ed accessibili rispetto ai costi che si affronterebbero a Milano. In una struttura come la nostra l’anziano gode di tutta la tranquillità necessaria, è a contatto con aree verdi e può accedere ad un gran numero di servizi che migliorano la qualità della sua vita. Contemporaneamente, i famigliari risultano più sereni, perché sgravati da tutti quei compiti di assistenza di cui ci facciamo carico, e possono far visita all’anziano senza dover affrontare un lungo viaggio.”

Nel corso dell’ultimo decennio sono nate diverse strutture per accogliere la crescente domanda espressa da Milano. Questa opportunità ha reso la provincia di Pavia un’area di riferimento per i servizi assistenziali agli anziani, favorendo la crescita economica del territorio e l’erogazione di servizi che rispettano i più alti standard per l’assistenza all’anziano.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.