Longevità: una sfida al femminile

Lo scorso 13 dicembre a Roma è stato presentato un volume monografico dal tiolo “La salute della donna. La nuova longevità: una sfida al femminile”. La pubblicazione è stata curata da ONDA (Osservatorio Nazionale sulla salute della donna), collaborazione con Farmaindustria. Il volume è particolarmente interessante perché illustra i principali aspetti dell’invecchiamento. Fotografando in particolare la situazione delle donne.

“Il volume di Onda – commenta Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria – rappresenta come sempre un prezioso strumento che fotografa la realtà e getta le basi per guardare al futuro in rosa con più speranza. Le imprese del farmaco vogliono contribuire a prendersi cura della donna, anello fondamentale della cura della famiglia e quindi dell’intera società. Perché la donna svolge un ruolo centrale e insostituibile di caregiver rendendo il nucleo familiare un ammortizzatore sociale con risparmi importanti per tutto il sistema della sanità. Già oggi nell’industria farmaceutica – dove le donne sono il 43% del totale, con oltre il 50% nella R&S – esistono politiche ‘rosa’ di welfare aziendale. E non solo. Per le patologie maggiormente presenti nel sesso femminile sono infatti in sviluppo nel mondo oltre 850 farmaci”.

E’ utile notare che l’aspettativa di vita nel nostro paese è straordinariamente cresciuta nell’arco di poche generazioni. All’inizio del secolo la vita media era di circa 43 anni mentre oggi è di 83. Gli over 80 italiani sono poco più di 4 milioni e sono composta per i 2/3 da donne. Nonostante il dato appaia favorevole è necessario comprendere che nascono anche nuovi problemi.

Spesso gli anziani si trovano a vivere in solitudine e necessitano di attenzioni continue per via delle loro fragilità. Se possibile, si trasferiscono dai figli e ricevono supporto necessario. Talvolta, nonostante gli sforzi dei famigliari, non è possibile perseguire questa soluzione e si deve valutare io trasferimento presso una casa famiglia per anziani.

Queste particolari strutture nascono per accogliere ospiti autosufficienti ed offrono un ambiente caloroso dove l’anziano può ricevere tutta l’assistenza richiesta. La presenza di una staff qualificato permette all’anziano di ricevere attenzioni ed essere supportato in tutte le attività quotidiane. La vita condivisa con altri anziani permette di mantenere la socialità e favorisce la tranquillità dell’ospite.

A seconda delle diverse condizioni di salute si possono valutare diverse strutture per anziani che possono essere adatte ad affrontare malattie croniche che richiedono assistenza medica costante. La presenza di tali strutture rappresenta una valida risorsa per la società, che deve far fronte alle esigenze di una quota crescente di anziani.

 
Questo comunicato è stato offerto da:

VILLA CARLA RESIDENZA ANZIANI

Via Voghera 33 – 27050 Retorbido (Pavia)
Tel: 348 7733842

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.