L’Allevamento Barboncini e le Curiosità sulla razza

I professionisti che lavorano presso gli Allevamenti barboncino , quelli di tipo professionale, sono certi nell’affermare che questo cane risulta essere tra le razze più diffuse tra gli amanti degli animali di piccola e media taglia e sono sia tendenti alla tranquillità delle mura domestiche che vivacemente giocherelloni appena vi sia il momento opportuno che di certo non eviteranno di cogliere al volo!

Questa razza di cane é rinomata per il suo aspetto elegante e nel contempo atletico per la sua vivida intelligenza, tuttavia si sono molteplici informazioni da conoscere, soprattutto quando si ha l’intenzione di recarsi presso un allevamento barboncini professionale per accogliere in casa un cucciolo di pochi mesi di vita.

1. Cane nazionale della Francia tuttavia i Barboncini sono originari della Germania

Il barboncino in realtà è originario della Germania, nonostante sia il cane nazionale della Francia, infatti il suo nome deriva dalla parola tedesca “pudel” o “pudelin”, che significa “sguazzare nell’acqua”.

Ne consegue che propriamente per il motivo sopra citato, in effetti, il termine utilizzato da molti, ovvero “barboncino francese”, è un termine improprio, infatti in terra francese, la razza si chiama Caniche, che tradotto in lingua italiana significa “cane anatra”.

2. Il Barboncino in origine era un cane dedito alla caccia

Il barboncino in origine fu allevato per assistere l’uomo durante la caccia, soprattutto nel recupero delle anatre ed altri uccelli cacciati dai loro proprietari che finivano in acqua.

Nel corso degli anni hanno mantenuto le loro caratteristiche di recuperatori, infatti  alcuni cacciatori di uccelli acquatici, utilizzano ancora i barboncini per questo scopo ancora oggi.

3. Il taglio del barboncino è funzionale invece che estetico

Il desueto taglio del barboncino è effettivamente effettuato per una motivazione funzionale ben precisa, anche se é facile pensare che invece sia fatto per una questione di pura immagine.

Una pelliccia meno folta rendono il barboncino un nuotatore più efficiente ed allo stesso tempo sensibile all’acqua fredda ed é propriamente per queste motivazioni che il suo taglio consiste nell’effettuare ciocche di peli folti attorno alle articolazioni e alla parte superiore del busto dove si trovano gli organi vitali, propriamente per avere lo scopo di proteggerli.

4. Le acconciature per i barboncini sono molteplici

Ogni taglio per il barboncino ha regole molto precise, circa il posizionamento di sbuffi e pompon di peli folti, così anche per la loro lunghezza.

Infatti per essere competitivi durante le competizioni cinofile, i barboncini adulti si devono presentare con una delle tre acconciature che seguono: la clip continentale, la clip continentale modificata o la sella inglese, al contrario i cuccioli nelle gare di esposizione hanno un taglio di lunghezza uniforme su tutto il corpo, chiamato Puppy Clip.

5. Quattro varianti di barboncini: Tutti con unico standard di razza

Sono quattro le tipologie di Barboncino che si possono trovare presso un allevamento professionale, ovvero quello Nano con la taglia piu’ piccola, il Toy un po’ piu’ grande e procedendo in ordine di grandezza si ha il medio, ovvero quello Standard per poi proseguire con il Barbone grande; tuttavia tutti hanno il medesimo standard di razza.

6. I Barboncini hanno Dimensioni differenti ed una cosa in comune: La loro voglia di fare attività

Il Barboncino ha una storia regressa da cacciatore di anatre, ne consegue che é un cane che necessita di svolgere molta attività, soprattutto all’aria aperta, come ad esempio lunghe passeggiate, piuttosto che accompagnare il proprio proprietario un una sessione di jogging, oppure divertendosi nelle attività di riporto, senza dimenticare le sue origini di nuotatore, quindi la loro predisposizione all’acqua.

8. Il barboncino é predisposto alle attività di lavoro

I barboncini sono tra le razze di cani che amano di piu’ compiacere i loro proprietari, oltre ad essere molto intelligenti e proprio per queste motivazioni che sono ottimi cani di servizio, infatti possono essere impiegati come cani da assistenza per persone con altre disabilità fisiche, da terapia e guida, oltre che essere stati utilizzati, grazie al loro buon olfatto, come cacciatori di tartufi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.